martedì 4 novembre 2008

Le strade di Roma antica


Passeggiando a Roma antica

Al Museo della civiltà romana, a Roma, si aprirà domani - mercoledì 5 novembre - la mostra "Il divo è tratto" che espone alcune tavole illustrate di Gilles Chaillet attraberso le quali è possibile fare una "passeggiata" nella città al tempo dei Cesari... tra vita quotidiana, monumenti e ricerca storica.
La nebbia e l'umidità del mattino. Il tempio di Giove al Campidoglio con le sue bianche colonne e la sua mitologia raccontata per fregi. La Rupe Tarpea, poco oltre il Campidoglio, dove si gettavano i traditori. Laggiù il Quirinale, proprio accanto al Viminale. E poi l'Esquilino, l'Aventino, il Palatino. I colli di Roma. Tutt'intorno il brulicare della vita quotidiana, che la sera si arresta, con il buio che non è ancora stato domato dall´elettricità, e si accende, molto presto, con la luce del giorno.
"Passeggiando" tra le tavole di Gilles Chaillet non è poi così difficile immaginare tutto ciò nella Roma di quasi duemila anni fa - esattamente quella nel 314 d. C. - quando la città era circondata da foreste e paludi più o meno bonificate.

Questa "gita" nella Roma dei Cesari nasce dalla passione di Chaillet per i fumetti e per la Roma antica. Attraverso un analogo lavoro mastodontico e certosino, lo scorso anno, aveva pubblicato un libro nel quale, accanto alle tavole, "dettagliate e fedeli dal punto di vista storico, almeno per le conoscenze archeologiche attuali", c'era il racconto di un immaginario Flavio che da Eraclea Pontica (colonia del Bosforo) arriva a Roma per recare un messaggio all'imperatore Costantino.
La mostra prevede anche alcune visite guidate con un attore vestito come Flavio che condurrà tra le strade della città imperiale, animando con racconti e drammatizzazioni il percorso espositivo. Le visite saranno, inoltre, condotte da un archeologo che aiuterà ad immaginare meglio come doveva essere la città in quel periodo storico.



L'Isola Tiberina (a sinistra) e il Foro Romano (a destra)

Le tavole esposte - tra il fumettistico e il topografico - sono grandi circa 3,5 x 2 metri ognuna e sono state realizzate in 2 anni, per un totale di cinquemila ore di lavoro; la mostra è inoltre arricchita da alcuni reperti che raccontano la storia della città e della sua bellezza, dal plastico in gesso realizzato agli inizi del Novecento da Italo Gismondi e da alcune postazioni interattive con immagini e filmati.

Il divo è tratto
dal 5 novembre 2008 al 1 marzo 2009
biglietti (per la visita del Museo della Civiltà Romana e della Mostra) intero € 6,50 - ridotto € 4,50 - gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente
Museo della Civiltà Romana, piazza Agnelli n. 10

1 commento:

Roberto ha detto...

Se può interessare domenica 30 novembre ci sarà una gara di orientamento (con possibilità di comprare la carta e "provare" senza necessariamente correre) nel Centro Storico di Roma con appuntamento al Galoppatoio...
dettagli su www.orsa-maggiore.info